E se... ribalto?

Questo breve articolo vuole dare poche nozioni, non ha la finalità di istruire su come vadano effettuate le manovre. L' intento è di dare una prima informazione a chi si chiede "E se... ribalto?". La prima risposta è che se decidi di fare un corso al Kayak Sarnico ti verrà spiegato cosa fare nelle varie situazioni. Quello che ti chiederemo è di ascoltare le spiegazioni e applicare i concetti che ti sono stati passati.

Anche se il recupero da un kayak rovesciato può essere abbastanza divertente da praticare, non farlo mai senza la supervisione del tuo istruttore. Se ti capita di capovolgerti accidentalmente, assicurati di mantenere la calma perché nulla impedirà il recupero in kayak più del panico.



Rovesciamento con uscita da Kayak

Se hai imparato il modo giusto di usare la pagaia, come fermare il kayak, come farlo girare, è ora di imparare qualcosa di più avanzato. TUTTI esperti o non esperti sperimentano un rovesciamento. È una parte essenziale dell'esperienza, che ti capiti o che tu lo faccia intenzionalmente, devi provare a rovesciare almeno una volta per completare davvero la tua esperienza di kayak e per prepararti.


Cosa succede se cadi fuori dal tuo kayak quando ti capovolgi? Questa è la situazione più frequente. Prima cosa: rimaniamo calmi. Con il ribaltamento la parte più pesante tende ad uscire dal pozzetto: è il nostro corpo. Al suo posto entra acqua e questo favorisce ulteriormente la nostra espulsione. L'unico modo per rimanere nel kayak è volerci rimanere o agitarsi. In tal caso si possono rimediare lividi e impiegare qualcosa più dei soliti due secondi rispetto a quando lo si fa in tranquillità.    

Una volta che ci troveremo fuori dalla canoa e con la testa fuori dall'acqua. 

1. In primo luogo, dovremo riportare il kayak in posizione non capovolta: pozzetto fuori dall'acqua. Basta raggiungere la parte capovolta del kayak e afferrare entrambi i lati del bordo del pozzetto per spingerlo e riportarlo verso l'alto.

2. Una volta che il kayak è nella posizione con pozzetto in alto, dovremo raggiungere la parte posteriore, la coda. Con uno slancio e afferrando il pozzetto trascineremo il nostro corpo verso il pozzetto  tenendo il corpo basso sul kayak.

3. Quando il bacino sarà arrivato all'altezza del seggiolino, ci potremo mettere a cavalcioni e rientrare nel kayak.



ESKIMO

Il modo più semplice per recuperare il kayak dopo il rovesciamento è usare la tecnica chiamata Eskimo (Roll). In questo caso ti manterrai calmo e tenendo le tue gambe ben contro le pareti del kayak eviterai di scivolare fuori.

1. Se il tuo kayak si sta capovolgendo completamente, dovrai anticiparlo. Prima di essere completamente sommersi, devi portare la pala parallela al kayak, facendo avanzare il polso.

2. Mentre il kayak è capovolto, girare la pala e allungare il braccio, portando la pagaia vicino alla superficie dell'acqua.

3. Usa i fianchi per ruotare il kayak. Questa è la parte più importante. Le tue braccia non sono la parte fondamentale per permetterti di tornare indietro. Aiutano solo a posizionare la pagaia. I tuoi fianchi sono quelli che stanno facendo il lavoro.

Mentre sei sott'acqua, sfrutterai i fianchi, quasi come se ti stessi dimenando. Questo è lo slancio che consentirà al tuo kayak di tornare in posizione verticale.

Dopo questo, avresti dovuto già recuperare il tuo kayak rovesciato. Devi praticare questa mossa più volte prima di poterla dominare veramente.

È di aiuto conoscere questa mossa quando sei fuori in kayak perché non sai mai quando potresti capovolgerti e dovrai metterti alla prova.
La sicurezza è veramente della massima importanza quando sei in acque libere.

Ricapitolando

Manteniamo la calma
Applichiamo le tecniche imparate al corso




Calendario Attività

January 2019
L M M G V S D
31 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3

Abbiamo 127 visitatori e nessun utente online

16 Paesi del Lago d'Iseo

Articoli Recenti

OOOOOO

QR-Code

QR-Code